ROBERTO ZECHINI

ROBERTO ZECHINI

Chitarrista e compositore, didatta, artista eclettico e inquieto, contaminato, libero, senza limitazioni,
irriducibile e anarchico, curioso; dalla formazione eclettica (Chitarra jazz con G. Fewell; Chitarra jazz
con F. Zeppetella e Tecniche d’improvvisazione con R. Ciammarughi; Arrangiamento jazz in
Conservatorio; Laurea in Lingua e letteratura russa presso l’Università di S. Pietroburgo e presso
quella di Macerata; triennio di studi di estetica filosofica tenuti con il filosofo Giorgio Agamben, ecc.)
Zechini è sostanzialmente un compositore-viaggiatore e ha delegato all’incontro e all’inatteso ogni
possibile epifania.
E’ un “contaminatore” (un suo paper internazionale pubblicato in Sud Africa nel 2012 si intitola
“Contamination”). Ha fondato un laboratorio-orchestra per chitarristi “Il chitarreto” con cui
sperimenta la scrittura e le tecniche d’improvvisazione con più di 40 chitarristi-allievi provenienti da
diverse parti d’Italia”. (Da una recensione del musicologo E. Franceschetti)
Fondatore e leader del gruppo “limanaquequa”, ha suonato con moltissimi musicisti di ogni dove
(M. Pagani, R. Ciammarughi, M. Stern, D. Brubeck, W. Blanding, D. Di Bonaventura, G. Ribeiro, D.
Tanguy, M. Manzi, M. Duby, M. Campbell, K. Naidoo, … G. Fewell, Rev. Lee Brown, D. Bodurov… L.
Canhasi, N. Maxhuni… G. Pietrucci, S. Paolini, G. Di Clemente, R. Monti, F. Mandolini, A. Laviano, G.
Pesaresi, M. Morganti, S. La Maida, ecc.)
Suona in molti festival e rassegne internazionali (Italia, Germania, Svizzera, Regno Unito, Austria,
Spagna, Francia, Russia, Marocco, Albania, Serbia, Montenegro, Sud Africa, ecc.).
Dal 1997 a oggi ha pubblicato – sia come autore che collaboratore – più di 40 cd, dvd e colonne
sonore. Si ricordano Carla danza in un’altra Romagna (2001, le stanze dellaluna), Pietraltrove
(artenomade,2004), Bruto(wide,2009). A deep surface (notamijazz, artistsignedrecords 2013). Solo
con chitarra volgare (RaRa records, 2016), Il Chitarreto (RaRa records, 2016), Uno di nessuno. Io
sono Antonelli (exit.live, 2017).
Suona nella colonna sonora del film “Luce dei miei occhi” di G. Piccioni.
Nel 2013 il suo “A deep surface” (Notamijazz, 2013) ha vinto i Jazzit awards.
Ha pubblicato con: VEVO, exit.live, RaRa records, JAZZIT, Transeuropa-Feltrinelli, Roma Europa
Festival, Notami jazz, Wide, Artenomade, Artist-Signed Records, Lestanzedellaluna, Leart, Rafux,
Mezereum, Sineglossa, Temps d’image, Marka, Nostro Lunedi, Mano, Il fanalino, etc.
Da sempre appassionato di letteratura, poesia, cinema e teatro, scrive, arrangia ed esegue musiche
per molti poeti, attori, fotografi, registi di teatro e di cinema (Valerio Magrelli, Eugenio De
Signoribus, Monika Bulaj, Mario Dondero, Giancarlo Majorino, Enrico Testa, Antonella Anedda, Enzo
Siciliano, Attilio Lolini, Francesco Scarabicchi, Clio Pizzingrilli, Maurizio Marotta, Umberto Fiori,
Massimo Gezzi, Angelo Ferracuti, Eugenio Allegri, Giuseppe Piccioni, Maurizio Galimberti, Corrado
Virgili, Danilo Cognigni, Ennio Brilli, ecc.)
Roberto Zechini